venerdì 18 maggio 2018

Gnocchi di ortiche con pomodori secchi e cipollotti di Tropea


È stagione di ortiche. Meglio approfittarne ora che sono ancora tenere. Armiamoci quindi di guanti e andiamo per prati a raccogliere.
Le ortiche in cucina possono essere usate nelle zuppe, nei risotti, come ripieno dei ravioli, per delle frittelle, dei pesti per la pasta o semplicemente ripassate in padella come contorno. Io le ho usate per dei gnocchi.
Conditi in modo semplice ma gustoso.

Ingredienti (per 4/6 porzioni):

800g di patate (meglio se vecchie)
200g di ortiche (pesate già cotte e strizzate)
2 cucchiai di olio evo
farina di farro spelta qb
sale marino integrale non trattato qb
acidulato di umeboshi qb
pepe qb

Ingredienti per il condimento:

10 pomodori essiccati
5 capperi sotto sale di Pantelleria 
2 mazzi di cipollotti rossi di Tropea
2 rametti di timo fresco
olio evo qb
buccia di limone bio qb
petali di fiordaliso essiccati qb
composta di fichi al cardamomo qb
erba cipollina per decorare qb

Procedimento per i gnocchi:

Lavate le ortiche e sbollentatele per qualche minuto, scolatele e strizzatele bene quindi ripassatele in padella con olio evo ed acidulato di umeboshi (in alternativa salate con sale marino integrale). Fate raffreddare e tritatele a coltello finemente. Scegliete patate tutte delle stesse dimensioni, avvolgetele una ad una in un cartoccio di alluminio e fatele cuocere in forno caldo statico a 200° fino a quando non sono cotte (infilzatele con uno stecco di legno lungo). Passate le patate allo schiacciapatate dopo averle sbucciate ed amalgamatele alle ortiche. Infarinate un piano da lavoro in legno ed iniziate ad unire tanta farina quanta ne assorbe l'impasto fino a formare una palla di impasto morbida che non si appiccichi alle mani.
Staccate dei pezzi di impasto ed allungateli con le mani a formare dei lunghi cilindri del diametro di circa 2 cm. Ricavate da ogni cilindro i gnocchi e passateli sull'apposito attrezzo rigagnocchi oppure sul retro di una forchetta per creare la classica rigatura. 
Una volta pronti tutti i gnocchi, spolverateli di farina di riso prima di cuocerli. 

Procedimento per il condimento: 

Reidratate i pomodori in acqua bollente per 30 secondi e tritateli a coltello. Dissalate i capperi e tritateli a coltello. 
Preparate in padella un fondo di olio evo e timo e fatevi appassire i cipollotti tagliati a rondelle con poco sale (se necessario aggiungete un goccio d'acqua per non farli bruciare).
Cuocete i gnocchi pochi per volta (per evitare che attacchino fra loro), in acqua bollente salata e scolateli non appena vengono a galla. Conditeli subito a crudo con un olio evo di ottima qualità e possibilmente delicato.
Impiattate i gnocchi con cipollotti, capperi e pomodori e una bella grattugiata di buccia di limone bio. Unite qualche goccia di composta di fichi al cardamomo, dei petali di fiordaliso essiccati e degli steli di erba cipollina. Spolverate di pepe se gradito. Servite subito.







giovedì 3 maggio 2018

Tempeh marinato con funghi shiitake patate novelle allo zafferano e cipollotti brasati al balsamico


Adoro i funghi shiitake sia freschi che secchi e mi piace cucinarli in diversi modi. Sono un ingrediente versatile ed arricchiscono diverse preparazioni. Questa volta li ho usati in un secondo piatto per accompagnare il tempeh in un mix di sapori piacevolmente delicato.

martedì 17 aprile 2018

Torta salata ai carciofi e pesto di aglio orsino


Da sempre sono una fan delle torte salate. Sono veloci da realizzare, comode anche per un pasto fuori casa e oltretutto sono un modo infallibile per fare mangiare la verdura anche a chi non la mangerebbe in forme diverse.

lunedì 5 marzo 2018

Crocchette di riso lenticchie rosse e verdure


Questa ricetta è nata per caso con l'intento di preparare un piatto veloce. Ma il gusto di queste crocchette era talmente buono, che ho deciso di condividere con voi la ricetta.

lunedì 5 febbraio 2018

martedì 23 gennaio 2018

Ravioli di pasta integrale ripieni di radicchio e tofu fermentato


Ho scelto di fare la pasta di questi ravioli con un mix di farina di farro e farina integrale per dare un sapore deciso. Il ripieno è a base di tofu fermentato e radicchio, che  conferiscono un gusto complesso e particolare.