giovedì 29 gennaio 2015

Crocchette di cavolo cappuccio viola su salsa allo zafferano


Il fritto fa parte di quei piatti sfiziosi da concedersi di tanto in tanto, soprattutto quando si è giù di morale. La panatura rende tutto goloso e speciale. Per non farmi mancare nulla, ho scelto di accompagnare le crocchette con una salsa allo zafferano e dei kumkuat, che con la loro acidità hanno creato un interessante mix di sapori.




Ingredienti ( per 4 persone ) :

Per l' impasto delle crocchette :

400 g di cavolo cappuccio viola
100 g di fecola di patate bio
50 g di farina di riso semintegrale ( nel mio caso ottenuta col mulinetto casalingo partendo dai chicchi di riso )
1 carota bio
1 pezzo di porro ( circa 4 cm )
olio evo
sale vichingo di Norvegia ( sale marino, curry, cipolla, pepe nero )
bacche rosa ( pepe rosa qb )

Per la panatura :

farina di mais fioretto senza glutine qb
gomasio alle erbe qb
latte di soia al naturale non aromatizzato qb

Per la salsa allo zafferano :

latte di soia naturale non aromatizzato ( e non addizionato di calcio o altro ) qb
1 bustina di zafferano bio
olio evo delicato ( o di riso ) qb
amido di riso qb
sale marino grezzo, non raffinato qb
pepe penja affumicato qb

Per friggere :

Olio di arachidi qb

Procedimento per le crocchette :

Mettete nel mixer il cavolo cappuccio con la carota sbucciata ed il porro e riduceteli a pezzetti piccoli. In una casseruola dal fondo spesso mettete tre cucchiai di olio evo con le verdure e fate rosolare a fuoco medio per un paio di minuti. Salate, incoperchiate e portate a cottura a fuoco dolce aggiungendo poca acqua se necessario. Insaporite con una generosa macinata di bacche rosa e frullate fino a ridurre a crema. Aggiungete la fecola e la farina setacciate, quindi fate cuocere a fuoco basso alcuni minuti fino ad ottenere una palla unica di composto. Fate raffreddare, poi formate delle palline di piccole dimensioni che farete cuocere a vapore per tre minuti. Preparate una ciotolina con un mix di farina di mais e gomasio alle erbe per la panatura. Passate le palline nel latte di soia, scolatele e fatele rotolare nella panatura. Ripetete l' operazione ( per avere la doppia panatura ), quindi fate friggere in olio di arachidi ben caldo per immersione fino a doratura.

Procedimento per la salsa di zafferano :

Per questa salsa non sono in grado di indicarvi le dosi esatte, perchè la faccio sempre ad occhio ormai. In un pentolino fate sciogliere lo zafferano in polvere nel latte di soia. Mescolando con una frusta, aggiungete a filo l' olio ed il sale a piacere. Incorporate l' amido di riso continuando a mescolare, fino ad ottenere una crema liquida. Proseguite la cottura a fuoco basso per qualche minuto fino a raggiungere la densità desiderata ( tipo besciamella ). A fuoco spento aggiungete del pepe macinato al momento.

Impiattate mettendo sul fondo la salsa allo zafferano, intervallando una fettina di kumquat ad una crocchetta. Completate con altro pepe se gradito.



























Con questa ricetta partecipo al contest "Cavoli, che Ricetta!"









20 commenti:

  1. Piacere di conoscerti Valentina, e complimenti per questa ricettina davvero particolare oltre che bellissima! Ti ho inserita e aspetto altre tue ricette ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara e grazie! Se riesco coi tempi, ho in mente altre ricette...

      Elimina
  2. Croccantissima panatura per crocchette saporite!! Combinazione particolare con i kumkuat, da provare! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari. Si, l' accosatmento è da provare. A me è piaciuto. baci

      Elimina
  3. I tuoi piatti sono sempre dei capolavori!!! E sicuramente sono buonissime queste polpettine!
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Micky, arrossisco, Ti ringrazio. Un bacione

      Elimina
  4. Bellissime le tue polpettine, Vale, e poi la salsa d'accompagnamento è il top! Per non parlare delle fettine di kumkuat... io adoro la tua unicità!!! Tanti baci, cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leti, allora facciamo così... Uno scambio di crocchette. Baci e grazie per le belle parole.

      Elimina
  5. Ma che polpettine deliziose! Sei sempre originalissima nelle preparazioni e anche nelle presentazioni.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daria! Fa piacere ricevere i complimenti da te. Lo sai che ti adoro. Un abbraccio e buon fine settimana.

      Elimina
  6. Ecco che riappare il mulinetto casalingo!!!! Vale.... mi hai arricchito la cucina con l'essiccatore, poi con l'estrattore. Ho paura, ahahahahahahahah
    Ma quello che mi meraviglia è quanto ogni volta, seppur sappia che tu sei magia pura, mi stupisco di fronte alla tua creatività. Questo è un fritto a cui non rinuncerei per niente al mondo. Forse un modo di fare apprezzare al mio stomaco il cavolo. Sarei veramente curiosa di assaggiare.
    Tu sei una donna speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch' io ho paura... Fra poco usciremo noi di casa! Ahahah. Tu sei troppo buona con me, sempre. Ti mando un abbraccio grande e forte...

      Elimina
  7. Wow, che meraviglia!
    E che presentazione! Molto scenografica!!!
    Bravissima
    Ciao, buon fine settimana
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Serena. Grazie. Buon fine settimana anche a te. C' è un bel sole oggi fra l' altro.. Un bacione

      Elimina
  8. Qui ci sta tutta l'espressione..."cavoli che ricetta" :D Bella, colorata, golosa...la frittura è vero, non va mangiata spesso, ma ho sentito dire più volte che mangiata ogni tanto non fa assolutamente male. Abbiamo tutti bisogno ogni tanto di confort food ;) Spero che questa volta tu ne abbia avuto bisogno per qualcosa di passeggero e già rincuorato con queste bellissime crocchette. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, sto attraversando un periodo difficile. Ma tengo duro! Il fritto lo mangio una volta ogni tanto, basta non esagerare... Grazie e un abbraccio anche a te

      Elimina
  9. Perfette.... bellissime e invianti. Mi piace l'abbinamento zafferano kumquat la nota aromatica acidula che allegerisce la frittura...... che fame!!!! ti assicuro che ne gusterei una subito, ora... ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Feli, buongiorno! È stato un abbinamento riuscito in effetti. Dai, vieni che te le rifaccio. Un bacione

      Elimina
  10. Mamma mia... le tue ricette non solo sono deliziose ma anche bellissime da vedere. E' un'arte quella della presentazione dei piatti e tu ne sei maestra!!!
    Accipicchia!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, sei troppo gentile. Grazie veramente di cuore. Un abbraccio a te

      Elimina